Difendimi per sempre – Alessandra Amoroso – TESTO – VIDEO

Non voglio rimanere più,
non voglio rovinare più
la luce buona e trasparente che ebbero i miei occhi

E voglio dare via tutto
E non guardarmi mai più indietro
Perché ogni volta che l’ho fatto, il tempo mi ha ferita

E non ricordo più la gente,
E non ricordo le persone ma
ricordo ciò che le distingue quando danno amore
E porto a letto tutto il mondo
Che ho chiuso dentro la mia testa,
per riconoscere allo specchio ciò che di me resta.

Parlami,
ti ricordavi di me?
Pensaci…
Ci siamo visti nei miei sogni!

Difendimi per sempre, amore mio, almeno tu
in questi angoli del mondo agonizzante di bugie
E rimane la ferita
E rimane la mia vita

Difendimi per sempre in questo mondo in tempesta
in cui l’amore è il solo grido di protesta di noi uomini
Riesco a non arrendermi
Se ci sei tu a difendermi

E non è una rivoluzione
E non si chiama depressione
Non è mania di essere troppo grande o troppo bella
Per chi sa rispettare il tempo
E preferisce stare male
Non ha bisogno di nessuna droga e sa parlare

Riconoscersi allo specchio a molti sembra indifferente
Riconosco dignità a chi sa sentirsi a volte un niente
Io ti ho detto: “Parlami!”

Difendimi per sempre, amore mio, almeno tu
in questi angoli del mondo agonizzante di bugie
E rimane la ferita
E rimane la mia vita

Difendimi per sempre in questo mondo in tempesta
in cui l’amore è il solo grido di protesta di noi uomini
Riesco a non arrendermi
Se ci sei tu a difendermi

Eppure adesso, amore,
Se pure mi capissi,
S’incrociano le storie e i loro compromessi
Se pure mi capissi, o non capissi niente, continua, tu, continua,
difendimi per sempre.
Difendimi per sempre.
Difendimi per sempre.

Difendimi per sempre, amore mio, almeno tu
in questi angoli del mondo agonizzante di bugie
E rimane la ferita
E rimane la mia vita

Difendimi per sempre in questo mondo in tempesta
in cui l’amore è il solo grido di protesta di noi uomini
Riesco a non arrendermi
Se ci sei tu a difendermi

Riesco a non arrendermi
Se ci sei tu a difendermi.

Questa voce è stata pubblicata in A, Alessandra Amoroso. Contrassegna il permalink.